Cavolo cappuccio bio con Speck dell’Alto Adige

Cavolo cappuccio bio con Speck dell’Alto Adige

Anche questa settimana, nella mia cassetta delle verdure fornitami dal Gruppo di Acquisto Solidale, G.A.S., ho trovato ho trovato un’ altro bel cavolo cappuccio.

Un modo pratico e veloce di cucinare e servire il cavolo cappuccio è saltarlo in padella alla maniera “nordica”.

Ingredienti:

  • cavolo cappuccio tagliato a striscioline sottili
  • 2/3 fette di speck affumicato dell’Alto Adige alte 2/3 mm.
  • 1 rametto di timo fresco
  • 1 spicchio di aglio in camicia
  • pepe
  • olio extra vergine d’oliva
  • sale

Pulire, il cavolo e, aiutandovi con un coltello a lama lunga, tagliare a fettine sottilissime il cavolo.

Tagliare le fette di speck a pezzi piccoli (a striscioline, a cubetti o come preferite) e, in una padella antiaderente, fateli saltare per qualche minuto lasciando che le parti grasse si sciolgano e lo speck diventi croccante.

In una casseruola con olio extra vergine di oliva, far imbiondire l’aglio che dopo qualche minuto toglierete. Aggiungere un rametto di timo fresco, il cavolo tagliato, un poco di sale ed una macinata di pepe nero.

Lasciar cuocere per 10 minuti a fuoco vivo facendo attenzione che il cavolo non secchi troppo, altrimenti aggiungere 1/2 bicchiere di brodo vegetale e continuare la cottura. La durata della cottura dipende dalla freschezza del cavolo cappuccio e dalla croccantezza che volete lasciare al cavolo.

Finita la cottura, a fuoco spento, aggiungete lo speck croccante, mischiate bene, lasciate riposare qualche minuto e servite.

E’ un piatto unico nutriente e saporito per le sere invernali oltre che un contorno gustoso, veloce da preparare e salutare.

Giuseppina Buti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *